In linea con passione dal 2007

commodore max box

Il Commodore MAX (del quale vediamo la confezione giapponese originale ed una immagine) rappresenta un tentativo di vendere un computer simile al Commodore 64 ma a prezzo più basso (200 dollari americani contro i 595 del Commodore 64).

Pensato per essere distribuito a livello mondiale, fu poi di fatto relegato al solo mercato giapponese. Con scarso successo; difatti la produzione venne abbandonata dopo pochi mesi. 

Perché fu un insuccesso?

Si trattava di un C64 con pochissima memoria RAM (circa 4Kb) e la sola possibilità di serie di impiegare cartucce per i giochi. Il Basic non era residente in ROM ma veniva fornito a parte su cartuccia. Unica possibilità di espansione era una interfaccia che consentiva l’impiego di un registratore a cassette. Non aveva possibilità di impiegare lettore di floppy disk (all’epoca esisteva il device Commodore 1541 con floppy semirigidi da 5 pollici ed un quarto) o stampanti.

commodore max